ricevi qa sulla e-mail: ISCRIVITI
cerca articoli
parole chiave
Dal
Al
Autore

immagine dell'articolo

Siae finanzia con 9 milioni di euro i bandi per giovani under 35

Red

La legge di stabilità per il 2016 ha previsto la distribuzione del 10% dei compensi per la copia privata, gestiti da SIAE, in attività che favoriscano la creatività e la promozione culturale nazionale ed internazionale dei giovani. Da qui la stesura e la pubblicazione di cinque bandi per la seconda edizione del progetto Sillumina, a sostegno della creatività di giovani con meno di 35 anni. La scadenza per la consegna dei progetti, è per il 30 novembre.

Il progetto, sottotitolato "Copia Privata per i giovani, per la cultura", è suddiviso in cinque aree di intervento:

Periferie urbane: Il bando è rivolto al sostegno di progetti di promozione culturale e di attività culturali nelle periferie urbane promossi da persone fisiche e da enti pubblici e privati. L’intento è quello di sostenere iniziative che coinvolgano sotto il profilo organizzativo e/o produttivo giovani autori, artisti, interpreti ed esecutori di età non superiore ai 35 anni residenti nel territorio italiano, nei seguenti settori artistici: Arti visive, performative e multimediali - Cinema - Danza - Libro e Lettura - Musica - Teatro;

Nuove opere: Il bando è rivolto al sostegno della creazione, produzione, edizione e fissazione di opere inedite di giovani autori nei seguenti settori artistici: Arti visive, performative e multimediali - Cinema - Danza - Libro e Lettura - Musica - Teatro;

Residenze artistiche e formazione: Il bando è rivolto al sostegno della creazione di residenze artistiche anche in collaborazione con Istituzioni culturali e Università, accademie, conservatori, enti specializzati, nonché alla formazione e alla promozione culturale promossa da scuole, università, Accademie e istituti afferenti al MiBACT, nei seguenti settori artistici: Arti visive, performative e multimediali - Cinema - Danza - Libro e Lettura - Musica - Teatro;

Live nazionali e internazionali: il bando è rivolto al sostegno dell’esecuzione pubblica di opere di giovani artisti in contesti live nazionali ed internazionali, nonché alla promozione internazionale dei giovani autori in ambito europeo ed extraeuropeo, nei seguenti settori artistici: Danza - Musica - Teatro;

Traduzione e distribuzione all’estero: il bando è rivolto al sostegno della traduzione e della distribuzione all'estero di opere nazionali di giovani autori, nei seguenti settori artistici: Cinema - Libro e Lettura - Musica.

I progetti possono essere presentati sia da persone fisiche (purché dotato di partita IVA) che da soggetti giuridici pubblici e privati, aventi sede legale in Italia, in forma singola o in partenariato.

Il MIBACT ha stabilito i criteri per la selezione dei progetti che secondo le indicazioni del Ministero devono privilegiare: l'ampliamento della offerta e della domanda culturale, attraverso azioni volte al superamento del cultural divide; la specializzazione delle professionalità artistiche, anche attraverso il sostegno alla creazione, composizione, edizione, diffusione, esecuzione e promozione di nuove opere di giovani autori; l'internazionalizzazione, attraverso il sostegno alla diffusione di opere di giovani autori nel mercato internazionale; il dialogo interculturale, attraverso iniziative che favoriscano un processo di scambio di vedute aperto e rispettoso fra persone e gruppi di origini e tradizioni etniche, culturali, religiose e linguistiche diverse, in uno spirito di comprensione e di rispetto reciproci; il coinvolgimento di più istituzioni o che siano realizzati sulla base di accordi di partenariato tra più soggetti proponenti.

L’esecuzione ed il completamento dei progetti finanziati deve avvenire tra il 1 aprile 2018 e il 31 marzo 2019.

Per quea econda edizione la somma da destinare al finanziamento dei progetti è poco più di 9 milioni di €. Somma superiore a quella stanziata per la prima edizione ma sicuramente inferiore a quanto atteso in considerazione che la raccolta da Copia Privata è stata di 120 milioni e quindi il 10% stabilito per il finanziamento dei progetti sarebbe dovuto essere di almeno 12 milioni più il recupero delle somme non stanziate interamente nell’anno precedente.