ricevi qa sulla e-mail: ISCRIVITI
cerca articoli
parole chiave
Dal
Al
Autore

immagine dell'articolo

Enit, contestato anche il bando per il direttore marketing e promozione

Roberto Vicerè

Sono in dirittura d’arrivo le selezioni per la scelta del dirigente a tempo pieno ed indeterminato per la posizione di direttore marketing e promozione (assunta ad interim dal direttore esecutivo Bastianelli). Per i 5 candidati ammessi dopo la selezione dei titoli, i colloqui inizieranno il 5 febbraio 2018 presso la sede dell’Enit. I candidati che parteciperanno all’ultima prova, tutti con esperienze anche nel settore turismo, sono: Elena Maria Rossi, Omero Mariani, Diego di Paolo, Donato Concato e Maria Chieppa. La commissione valutatrice è presieduta dal direttore finanziario dell’Enit Francesco Nucara e come membro esterno è stato nominato Alberto Peruzzini (pesarese come Bastianelli) dal 2016 Direttore di Toscana Promozione, direttore dell'APT di Prato (2000-2010). Non è certo facile ipotizzare quale dei candidati sarà quello scelto per ricoprire un ruolo così strategico per il raggiungimento degli obiettivi che la recente riorganizzazione e trasformazione dell’Enit (da ente non economico ad ente economico) ha individuato per l’organo di governo dell’Ente. Maria Elena Rossi, conterranea della presidente dell’Enit Evelina Christillin, è il direttore generale di Piemonte Marketing – DMO Piemonte S.c.r.l. è l’agenzia turistica del Piemonte, con il compito di sviluppare le attività di marketing strategico e operativo in Italia e nel mondo. Dal 2010 Maria Elena Rossi, è docente a contratto presso l’Università di Torino e l’Università del Piemonte Orientale dove insegna Turismo, Pianificazione, Marketing Strategico e Destination Management, e ha pubblicato e partecipato a numerose pubblicazione sul tema. Consulente per la pianificazione strategica e il marketing in Piemonte, prima, durante e dopo le Olimpiadi Torino 2006. Precedentemente, ai tempi delle olimpiadi invernali di “Torino 2006” è stata segretaria dell’assessore al turismo; è poi passata con la qualifica di funzionario a Piemonte Marketing – DMO dove sotto la presidenza Chiamparino con assessore al turismo e cultura Antonella Parigi, è stata nominata direttore generale. Nomina che recentemente, sembra, abbia avuto l’attenzione della magistratura. Riporta il Corriere della sera ed. di Torino (08/01/2018) assieme ad altri quotidiani, un comunicato da parte del legale dell’assessore Antonella Parigi con il quale comunica che "L'assessore alla cultura e al turismo della Regione Piemonte rende noto di essere stata raggiunta da un avviso di garanzia in merito alle indagini sul Salone Internazionale del libro di Torino e per la nomina del direttore della Dmo Piemonte Marketing Scarl. L'assessore esprime la propria fiducia nell'operato della magistratura, cui offrirà la massima collaborazione”. Donato Concato originario di Padova ed attualmente direttore di Visit Ferrara (città del ministro Franceschini), un consorzio che unisce circa 90 operatori turistici di tutta la Provincia. Concato ha sulle spalle un master sull'economia del turismo all'Università Bocconi di Milano, lavora da anni nel mondo della gestione turistica, è stato direttore Apt di Chioggia e di Venezia, dirigente della Provincia di Venezia dove si è occupato in particolare dello sviluppo turistico del "prodotto mare”. Omero Mariani responsabile servizi informazione e accoglienza turistica città di Terni, ma soprattutto e’ stato il relatore della candidatura delle Cascate delle Marmore come sito Unesco e ideatore del sito marmore.it. Diego Di Paolo dal 2012 e’ stato assessore Pd al Comune di Rieti alla Cultura, Turismo e Promozione del Territorio con Sindaco Pd Simone Petrangeli. Dal 2006 e’ dipendente dell’Agenzia del Turismo del Lazio (ai tempi in cui Bastianeli era direttore prima di diventare direttore dell’Enit) con il ruolo di Coordinatore dello Sviluppo Turistico e Promozione dei Territori. Maria Chieppa dal settembre 2006 e’ stata Direttore centrale turismo, marketing territoriale e identità presso il Comune di Milano. Membro del consiglio di amministrazione della camera di commercio Italia-South Africa. E’ direttore della Fiera di Milano per l’Africa. Purtroppo anche questo bando, come il precedente per il direttore marketing che è stato ritirato in autotutela, si è avviato con problemi e contestazioni. Il via l’ha dato una lettera-esposto a firma dott. Michele Misurata datata 24/11/2017 (lo stesso giorno della scadenza dei termini per la presentazione delle candidature). La lettera, con la quale si contesta la legittimità del bando, è indirizzata ai vertici del Mibact, dell’Enit alla Corte dei Conti ed alla Procura della stessa. Secondo la lettera è stato messo a bando un ruolo dirigenziale non previsto dal regolamento di organizzazione vigente e mentre era in corso il processo di autorizzazione della nuova organizzazione da parte dell’Amministrazione vigilante, il Mibact. Si contesta poi anche la nomina diretta del dott. Perrino a direttore Affari Giuridici. Nomina avvenuta senza alcuna selezione pubblica ma addirittura con una procedura interna, avviata secondo l'esposto, prima dell’approvazione, da parte del CdA, del Regolamento di Organizzazione. Poteva finire lì, invece è proprio il direttore generale del turismo del Mibact che con una nota del 5/12/2017 indirizzata al direttore esecutivo dell’Enit, riprende alcuni dei rilievi di presunte irregolarità indicati nella lettera di Misuraca sostenendo il problema dell’impropria procedura adottata per la nomina del dott. Perrino oltre a rilevare che la comunicazione della nomina è antecedente a quella della delibera del CdA con la quale si istituisce ex novo l’area Affari Giuridici (prima si fa il direttore e poi la funzione). Ma non basta; anche il Collegio dei Revisori si mette a fare rilievi sulle stesse questioni. Con una nota successiva alla lettera del Direttore generale del turismo a cui fa riferimento, il Collegio censura la mancata presentazione al Mibact delle modifiche apportate al Regolamento di Organizzazione e la contemporanea nomina diretta a dirigente dell’avvocato Perrino.