ricevi qa sulla e-mail: ISCRIVITI
cerca articoli
parole chiave
Dal
Al
Autore

immagine dell'articolo

Biglietto d’ingresso al Pantheon; è fatta. Lunedì si firma

Roberto Vicerè

Lunedì 11 alle ore 9,00 presso il Vicariato si firmerà l’accordo per l’istituzione del biglietto d’ingresso al Pantheon per i turisti. Lo firmeranno il direttore generale dei musei Antonio Lampis ed il Camerlengo per il Vicariato.

In pratica il documento che si firmerà non sarà un nuovo accordo; si è modificato/integrato il punto 7 della convenzione del 22 novembre 2010 che regolamenta l’uso della Basilica. Si pagheranno 2 euro ma li pagherà solo il turista. E’ questo il punto fondamentale dell’intesa raggiunta tra Mibact e Vicariato. Un punto sul quale il Vicariato porrà sin dal momento dell’avvio, una particolare attenzione. Quando si partirà (ma quando si partirà? l’accordo non indica date) chi vorrà entrate per visitare il Pantheon pagherà il biglietto mentre che vorrà entrare per la preghiera o per assistere alle funzioni religiose potrà entrare gratuitamente e liberamente quando vuole e quante volte vuole; non si potrà neppure limitare il numero delle funzioni religiose; “altrimenti si potrebbe configurare una violazione del Concordato” ci ha precisato il rettore della Basilica.

Ma non c’è solo questo nell’intesa raggiunta; l’istituzione del biglietto d’ingresso ad un luogo di culto, sarà limitato esclusivamente al solo Pantheon e l’accordo raggiunto, non potrà rappresentare un precedente per ripetere per altri luoghi di culto l’istituzione di un biglietto d’ingresso; questo “impegno” sembra sia stato assicurato direttamente dal ministro con lettera inviata al Vicario generale monsignor Angelo de Donatis.

Ovviamente non potranno essere avviate attività commerciali all’interno della Basilica e nelle pertinenze e neppure il servizio di biglietteria. Probabilmente, il Mibact, organizzerà, in altri spazi che affacciano sulla stessa piazza della Basilica, i cosiddetti “servizi aggiuntivi”.

Che fine faranno i ricavi dalla vendita dei biglietti? Su questo tema il Vicariato non vuole entrare nel merito, spetta al Mibact disporne la destinazione; il Vicariato ha chiesto che vengano prioritariamente spesi per la manutenzione, la pulizia, la sicurezza, oltre che ad interventi per la conservazione straordinaria del monumento.

Qual’è la durata dell’accordo? “non c’è una scadenza; la durata dipende dalla buona volontà che tutti metteranno nell’attuare l’intesa ragiunta” conclude il Rettore.

Riproduzione riservata