ricevi qa sulla e-mail: ISCRIVITI
cerca articoli
parole chiave
Dal
Al
Autore

immagine dell'articolo

Il Teatro alla Scala di Milano mette in mostra i costumi dagli anni'30

Sara Riboldi

Palazzo Reale di Milano ospita la mostra “Incantesimi. I costumi del Teatro alla Scala dagli anni Trenta a oggi”. Sono ben ventiquattro gli splendidi abiti di scena selezionati e restaurati fra quelli custoditi nei magazzini del Teatro alla Scala di Milano. Ora sono esposti nelle sale degli Arazzi di Palazzo Reale, in una suggestiva mostra – aperta fino al 28 gennaio 2018 - curata da Vittoria Crespi Morbio - storica della scenografia teatrale ed esperta dei rapporti tra arti figurative e teatro musicale - e organizzata dal Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e Associazione Amici della Scala con la collaborazione del Teatro alla Scala. La mostra e il restauro sono promossi dall’Associazione Amici della Scala che celebra i 40 anni di attività, proseguendo nell’impegno di valorizzazione del patrimonio storico scaligero. I costumi esposti si devono alle firme più celebri nella storia del teatro. Caramba, mago della Scala negli anni di Toscanini; Franco Zeffirelli; Anna Anni, attenta e poetica indagatrice delle epoche storiche; i premi Oscar Piero Tosi, Gabriella Pescucci e Franca Squarciapino; Pier Luigi Pizzi, artefice di fasti barocchi; Gianni Versace, con le sue creazioni per Robert Wilson, sono solo alcuni dei nomi che in teatro hanno goduto della liberta' di osare, sperimentando forme e materie nuove che solo la realtà immaginifica del palcoscenico rende possibili. La mostra è suddivisa in quattro sezioni tematiche che fanno rivivere storici spettacoli firmati dalle regie del calibro di Visconti, Strehler, Ronconi, Wilson, Carsen e molti altri. Firmato da Anusc Castiglioni, Luca Scarzella, Massimo Zanelli, l’allestimento evoca un palcoscenico di teatro che si estende per quattro sale, con la sfilata dei costumi illuminati. Sullo sfondo le immagini dei grandi interpreti, in un gioco raffinato di proiezioni. La mostra rappresenta un omaggio agli artisti, ai costumisti e alle maestranze scaligere ma anche uno squarcio sulla storia del costume e sull’evoluzione dello stile. Intanto, è partita la vendita dei biglietti che ogni anno il Teatro alla Scala riserva all’Amministrazione comunale in occasione della Prima del 7 dicembre. Anche quest’anno il Comune ha deciso di rendere disponibili i tagliandi, acquistabili sul sito del Teatro, per l’opera inaugurale della stagione 2017/2018: “Andrea Chénier” di Umberto Giordano, diretta dal Maestro Riccardo Chailly per la regia di Mario Martone.  Grazie all’iniziativa “La Scala della Solidarietà”, che permette di raccogliere fondi per coloro che si trovano in diffcioltà, dal 2011 sono tanti i cittadini che hanno potuto assistere a meravigliosi spettacoli contribuendo allo stesso tempo a sostenere progetti di utilità sociale.