ricevi qa sulla e-mail: ISCRIVITI
cerca articoli
parole chiave
Dal
Al
Autore

immagine dell'articolo

Goppion mette in sicurezza le monete e le medaglie del Muséè de la Monnaie di Parigi

Allestito in un raffinato edificio del XVIII secolo, in stile neo-classico, che ospita anche la Zecca nazionale, il Musée de la Monnaie de Paris, possiede una notevole collezione di monete e medaglie dall’antichità ai giorni nostri. Oltre alle collezioni numismatiche, non solo francesi, custodisce anche importanti fondi d'archivio della zecca. Il nuovo allestimento, che verrà inaugurato il prossimo 30 settembre, dopo cinque anni di lavori, è stato curato da Dominique Anterion, su progetto museografico dell’arch. Philippe Prost.

Con un approccio multidisciplinare, il museo affronta temi di storia, di storia dell’arte, di tecnica, di fisica, di chimica e di economia attraverso l’esposizione di oltre 1500 oggetti - tra cui il tesoro della Rue Mouffetard e il tesoro di Hué - e di 600 documenti iconografici, molti dei quali destinati a ruotare nel tempo, testimonianze tangibili di un passaggio costante di saperi e di know how. Lungo il percorso il visitatore incontra gli artigiani, condividendone i segreti attraverso la visione diretta, arricchita da video e da strumenti multimediali e interattivi, toccando con mano macchinari e oggetti appositamente realizzati, e ripercorre la storia di un'istituzione che ha saputo adattarsi alle sfide della modernità per rimanere creativa e competitiva, collaborando con artisti contemporanei e sviluppando nuove tecniche di produzione.

La Goppion – che ha al suo attivo l’allestimento di numerosi altri musei e gallerie numismatiche tra i quali Museo Numismatico di Palazzo Massimo a Roma, ha realizzato circa 40 vetrine di varie tipologie destinate ad accogliere le prestigiose collezioni numismatiche tra cui il tesoro della Rue Mouffetard e il tesoro di Hué, per i quali è stato richiesto un livello di sicurezza speciale nelle vetrine. Le vetrine Goppion, a parete o incassate in allestimenti metallici; a tavolo, ispirate ai piani di lavoro delle vecchie manifatture; a isola, si integrano nel “prezioso” allestimento del museo, offrendo la leggibilità migliore degli oggetti. Di particolare pregio sono due grandi vetrine con pareti curvilinee, per adattarsi ad una parete absidale dell’edificio. Tutte le vetrine sono dotate di illuminazione interna comandata in wireless, attraverso un’applicazione per tablet.